Divisori interni in casa, la rivoluzione: scopri le costruzioni a secco

Ciao, in questo articolo scoprirai i vantaggi di una rivoluzionaria tecnica edilizia per realizzare i divisori interni: le costruzioni a secco!

Se abiti nelle zone di Altamura o Matera sarai abituato ai divisori realizzati in tufo o laterizio.

Ma aspetta!

In questo articolo ti racconteremo perché per esempio una parete in cartongesso, realizzata con una tecnica ben precisa delle costruzioni a secco, comporta vantaggi superiori.

Ci riferiamo all’elevato grado di precisione, alla grande capacità di isolare acusticamente e all’incredibile e impensabile resistenza.

Ne parliamo in questo articolo!

Indice

Costruzioni a secco: cosa sono e come funzionano

Divisori interni di elevata qualità con costruzioni a secco: come sono fatti

Perché favoriscono la salubrità

Case BeS: cosa sono e dove trovarle ad Altamura e Matera

Costruzioni a secco: cosa sono e come funzionano

Se ti stai domandando come realizzare i divisori interni della tua casa, come le pareti portanti o secondarie, allora questo articolo sarà di tuo vivo interesse!

Ma iniziamo dal principio. Partiamo con la definizione di costruzioni a secco.

Cosa sono?

Beh, essenzialmente si tratta di quella tecnica edilizia relativa ai metodi costruttivi che non si avvalgono né dell’utilizzo di acqua, e tantomeno di materiali di connessione come per esempio la malta o il cemento.

Le costruzioni a secco vengono realizzate tramite l’assemblaggio di elementi e materiali precedentemente lavorati a tal fine. Poi, tramite le giunzioni meccaniche come bulloni e viti, vengono montati assieme.

Questo processo fa naturalmente sì che sia possibile montarle e smontarle.

Attenzione però alla qualità di questa tecnica, in quanto se non correttamente realizzata può compromettere i risultati.

Il tipo di materiali, la loro durevolezza, resistenza e salubrità, sono variabili.

Vediamo ora nel prossimo paragrafo come dovrebbe essere composto un divisorio interno costruito a secco per offrire la massima resa.

Divisori interni di elevata qualità con costruzioni a secco: come sono fatti

Iniziamo col dire che i divisori interni possono essere suddivisi in pareti portanti e pareti secondarie.

Se realizzate con le costruzioni a secco, entrambe possono essere per esempio dei cartongessi con una struttura (il telaio) in acciaio.

Quando si nomina il cartongesso capita spesso che le persone si irrigidiscano. A molti viene subito in mente la tipica parete sottile delle case universitarie, tirata su in un pomeriggio, e da dove passano tutti i rumori quasi come se servisse semplicemente come ostacolo alla vista.

Chiaramente quando ci riferiamo a divisori per interni realizzati con costruzioni a secco, non intendiamo affatto questo tipo di pareti.

Quest’ultime sono così “rinomate” (se così si può dire) per la loro scarsa efficienza, perché generalmente vengono realizzate con una sola lastra interna.

Ben altra cosa, è una parete così strutturata:

  • doppia lastra interna;
  • lana di roccia ad alta densità
  • doppia lastra esterna.

Parliamo di soluzioni che su 1 mq hanno la capacità di sostenere il peso di 1 quintale e mezzo, pur non essendo nei fatti una parete portante!

Perché favoriscono la salubrità

divisori interni

L’inquinamento indoor e i microinquinanti chimici

La salubrità, come ben sa chi ci segue da tempo, rappresenta la componente in assoluto più importante di cui dovrebbe essere dotata una casa.

Il motivo?

Beh, semplice! Come si diceva un tempo: “quando c’è la salute c’è tutto!”.

Non si tratta solo di un detto popolare, ma di una verità granitica e universale ora anche ampiamente documentata dalle ricerche scientifiche in ambito edilizio che indagano tematiche come l’inquinamento indoor.

Come riporta un Report dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) circa l’80% delle case in Europa sono affette da inquinamento domestico e, secondo il Royal College of Physicians and Royal College of Pediatrics, provoca ogni anno 90.000 morti sul territorio europeo.

Inoltre, siccome passiamo la maggior parte del nostro tempo in casa, siamo da 10 a 50 volte più esposti all’inquinamento nella nostra abitazione che all’esterno.

Ma esattamente, sai in che cosa consiste l’inquinamento indoor?

Se ci riferiamo alla salubrità dell’aria, possiamo parlare di 3 tipologie di inquinanti differenti: chimici, fisici e biologici.

Ora, senza scendere nel dettaglio di ciascuno [se ti interessa approfondire ti consigliamo la lettura di questo articolo], per quanto riguarda il discorso delle costruzioni a secco ci interessano gli agenti inquinanti chimici.

Il motivo è che la scarsa qualità dei materiali di costruzione può portare al rilascio nel tempo di microinquinanti (invisibili!) potenzialmente nocivi e cancerogeni come il Monossido di Carbonio, il Radon, la Formaldeide, l’amianto, Ozono etc.

Nelle costruzioni a secco composte come indicato nel paragrafo precedente, invece, vi è un’elevata garanzia di salubrità data dall’utilizzo di materiali del tutto atossici e all’assenza di leganti (di contro) tossici come la malta e il cemento.

L’isolamento acustico come fattore di salubrità domestica

costruzioni a secco

Qualora scegliessi di realizzare i tuoi divisori interni e le pareti secondari con le costruzioni a secco per come descritte in questo articolo, vi è anche un altro enorme vantaggio sempre in termini di salubrità: l’elevato isolamento acustico che riescono a garantire!

La necessità di pace, quiete e silenzio in una casa, può fare nel lungo termine la differenza tra benessere o stress perenne.

Tutti abbiamo bisogno di calma!

È stato ampiamente dimostrato che persino la qualità delle relazioni in casa può variare proprio in base alla capacità stessa della casa di isolare acusticamente gli ambienti.

Immagina la classica scena: tuo figlio adolescente è in camera con la musica alta, mentre magari la sorellina deve ancora finire i compiti e litiga col fratello per via del chiasso.

Riesci anche solo a pensare quanto la vita sarebbe più semplice e piacevole per tutti se solo non vi fossero costantemente questo tipo di contrasti?

Non a casa quello dell’isolamento acustico rientra proprio tra i 7 principi di salubrità alla base del Protocollo di costruzione BeS (Benessere e Salute).

Si tratta di un sistema unico che garantisce ai proprietari una casa totalmente salubre, cioè realizzata e pensata per garantire il loro benessere e per tutelare la salute. Questo a 360°!

Ne parliamo ora…

Case BeS: cosa sono e dove trovarle ad Altamura e Matera

Se sei alla ricerca di una casa green, e che abbia una qualità straordinaria, allora dovresti assolutamente conoscere le case BeS disponibili ad Altamura e a Matera.

Si tratta di appartamenti realizzati tramite il Protocollo di costruzione BeS di cui abbiamo fatto cenno poco fa.

In pratica, i 7 principi di salubrità sono: aria pura, acqua dolce, corretta illuminazione, corretto arredamento, isolamento acustico, utilizzo di tecnologie che favoriscano agio e sicurezza e ausilio di design biofilico, che richiama alla natura.

Inoltre, le case BeS si inseriscono in edifici nZEB, ovvero classificati come a consumo quasi zero (meglio persino della Classe A4!).

Per cui optando per una casa del genere si contribuisce concretamente alla costruzione di un futuro migliore per tutti!

Dalle bollette molto più basse, all’ecosostenibilità, fino al lusso del benessere, sono molteplici le motivazioni che rendono questo tipo di case un acquisto capace di impennare istantaneamente la qualità di vita di una persona.

Chiaramente ne stiamo parlando a questo punto dell’articolo perché anche i divisori interni vengono realizzati proprio tramite le costruzioni a secco per come sopra descritte.

Se desideri cambiare vita e ricercare il massimo della tutela e del benessere in una casa, dai un’occhiata alle nuove costruzioni disponibili cliccando qui.

Edil Pepe